Bilirubina » Blog Archives

Tag Archives: Epatotossicità da farmaci

Epatotossicità da farmaci

Pubblicità

Epatotossicità da farmaci

Diverse sostanze chimiche possono causare un danno al fegato, non sono rari i casi di epatotossicità da farmaci dovuti ad una inadeguata risposta del fegato che ha un ruolo centrale nel metabolismo e nell’escrezione di sostanze chimiche estranee all’organismo. Le sostanze chimiche capaci di danneggiare il fegato sono definite epatotossine e sono responsabili di epatotossicità e di epatopatie da farmaci, ci sono anche alcune sostanze capaci di provocare un danno subclinico al fegato, ossia senza alcuna manifestazione di sintomi ma con delle alterazioni di specifici marker evidenziabili dagli esami ematochimici specifici. Le reazioni avverse ai farmaci possono essere di tipo A, ossia intrinseche o farmacologiche, e di tipo B (di natura idiosincrasica, con reazioni non immuno-mediate dovute ad un danno mitocondriale indotto dal farmaco). In ambito medico sono più frequenti le reazioni di tipo A, in tal caso  la tossicità dei farmaci può causare danni più o meno severi in base alla stessa concentrazione del farmaco a livello plasmatico, tra i possibili danni di tipo epatico si possono verificare danni diretti delle cellule epatiche oppure il blocco di un processo metabolico. Si verificano danni epatici di tipo B quando una sostanza provoca una reazione non prevedibile in un soggetto predisposto, con esiti variabili senza riscontrare una chiara correlazione temporale con l’assunzione del farmaco, non potendo fornire un modello predittivo. Maggiori informazioni Malattia renale associata a uromodulina come si manifesta. Continue reading

Published by:

Epatotossicità da farmaci dati clinici

Epatotossicità da farmaci dati clinici

Anche se difficile da identificare la condizione di epatotossicità da farmaci, detta anche epatotossicità iatrogena, deve essere risolta per evitare complicanze per la salute del paziente, dal momento che non esiste un trattamento efficace per risolvere la tossicità è necessario sospendere la terapia con il farmaco responsabile della condizione patologica da associare se fosse necessario con una terapia di supporto. È opportuno riconoscere per tempo il fattore eziologico che ha determinato la condizione di epatotossicità per prevenire il danno epatico di origine iatrogena, per questa ragione è opportuno valutare il quadro dei sintomi presentato dal soggetto che si palesa con le manifestazioni di: nausea, dolore addominale nel quadrante superiore destro, prurito, ittero, anoressia, malessere, affaticamento. Per identificare l’entità della tossicità è necessario effettuare i test di funzionalità epatica da cui emergono delle significative alterazioni quali: alti livelli di alanina-aminotrasferasi (ALT) che risultano superiori di 3 volte i valori normali; livelli di fosfatasi alcalina (ALP) superiori di 2 volte al range dei valori normali; talvolta il paziente presenta valori alti di bilirubina totale con aumento dei livelli di ALT o ALP. Continue reading

Pubblicità
Published by: