Microalbuminuria quale significato offre clinicamente

Comment

Altri articoli
Pubblicità

Microalbuminuria quale significato offre clinicamente

Dal punto di vista clinico si riscontra microalbuminuria quando si rileva la presenza di albumina seppur limitata ma significativa nell’urina, una proteina presente normalmente in maggior concentrazione nel sangue ma in caso di alterazioni della funzione renale l’albumina può riversarsi anche nell’urina. La microalbuminuria viene considerato un parametro importante clinicamente in quanto costituisce un indicatore precoce di nefropatia diabetica, la condizione di iperglicemia cronica può causare danni a carico dei piccoli vasi capillari che costituiscono il glomerulo renale, con aumento della loro permeabilità: i glomeruli risentono dell’alterazione della loro attività di filtrazione, questa compromessione della funzionalità determina il passaggio di proteine. A causa della compromessa integrità del sistema vascolare del rene provoca il passaggio delle sostanze normalmente trattenute nel sangue nelle urine. L’esigua quantità di albumina riscontrata, che rientra sotto la calssificazione di microalbuminuria si attesta su valori di eliminazione pari a 20-200 µg al minuto (30-300 mg/die), in caso di livelli superiori  si parla invece di albuminuria franca o di nefropatia conclamata. Per maggiori informazioni su questo argomento si rimanda alla lettura di http://www.my-personaltrainer.it/salute/microalbuminuria.html.

Pubblicità

Come leggere questo parametro clinico

microalbuminuria

microalbuminuria

Un dato clinico come la microalbuminuria che viene riscontrata con l’analisi delle urine non deve essere sottovalutato poiché si potrebbe successivamente verificare, come complicanza connessa, una malattia potenzialmente progressiva che porta all’insufficienza renale. Una costante presenza di microalbuminuria segnala dunque un’alterazione della funzione di filtro del glomerulo renale, un segno clinico comunemente rilevato nei pazienti diabetici indicando l’inizio di un danno a carico dei reni. Per monitorare specifici quadri patologici il medico prescrive di monitorare con l’analisi delle urine la microalbuminuria, in particolare questo parametro viene valutato dopo la diagnosi di diabete o di pressione arteriosa alta, in questi soggetti si rileva tale valore ad intervalli regolari per determinare precocemente l’eventuale danno renale. La microalbuminuria rappresenta un fattore di rischio cardiovascolare nei pazienti colpiti da ipertensione, questo perché  la condizione di albuminuria influisce sul danno vascolare.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *