Metabolismo della bilirubina: caratteristiche e funzionamento

Comment

Approfondimenti Bilirubina diretta Bilirubina indiretta
Metabolismo-della-bilirubina-caratteristiche-e-funzionamento
Pubblicità

Come avviene il metabolismo della bilirubina

Metabolismo-della-bilirubina-caratteristiche-e-funzionamento

Metabolismo-della-bilirubina-caratteristiche-e-funzionamento

Il metabolismo della bilirubina è necessario essendo la stessa un prodotto di rifiuto, derivante da un altro processo metabolico: il catabolismo dell’emoglobina (ossia la proteina presente nei globuli rossi atta al trasporto dell’ossigeno dai polmoni ai vari tessuti dell’organismo). In una giornata tipo, il metabolismo della bilirubina è molto attivo. Un soggetto normale ne arriva a produrre circa 200-250 mg; essendo il metabolismo della bilirubina fautore di un prodotto di scarto, è necessario allontanare tale produzione dall’organismo. Come suddetto il metabolismo della bilirubina avviene successivamente al catabolismo dell’emoglobina, che a sua volta origina dalla distruzione dei globuli rossi vecchi o danneggiati. Il metabolismo della bilirubina quindi dà vita alla cosiddetta bilirubina libera, non coniugata o indiretta. Essendo fortemente liposolubile, dopo il metabolismo della bilirubina, essa viene trasportata dall’albumina, con un legame definito debole e viene filtrata dai reni, non comparendo quindi nelle urine.

Pubblicità

Dettagli del metabolismo della bilirubina

Il metabolismo della bilirubina ha luogo in sede epatica. Le cellule del fegato infatti la isolano e la inglobano trasporto attivo attraverso la membrana plasmatica, impedendone il ricircolo nel sangue mediante il legame ad una proteina, detta ligandina. Il metabolismo della bilirubina procede con la sua coniugazione a due molecole di acido glicuronico, reazione che si palesa nel reticolo endoplasmatico di ogni cellula epatica, mediata dall’enzima bilirubina-glicuroniltransferasi. Da tale coniugazione tipica del metabolismo della bilirubina si crea, in due step, una sostanza nota come bilirubina coniugata o diretta. Questa a differenza dell’indiretta è idrosolubile e dunque espulsa con la bile. Tramite il flusso biliare, a conclusione del metabolismo della bilirubina, essa raggiunge il duodeno e per la maggior parte escreta tramite feci. Solo una minima parte viene trasformata dai batteri dell’ileo e del colon in urobilinogeno. A sua volta l’urobilinogeno viene eliminato con le feci, sottoforma di pigmenti colorati, mentre una piccola percentuale viene riassorbita dal sangue e condotta al fegato, dove nuovamente viene escreto con la bile.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *