Incompatibilità di gruppo AB0 ittero

Comment

Approfondimenti
Pubblicità

Incompatibilità di gruppo AB0 ittero

Una variante della eritroblastosi fetale è rappresentata dall’incompatibilità di gruppo AB0, in tal caso si registra l’insorgenza dell’ittero da incompatibilità tra madre e feto, un’evenienza che si verifica più comunemente se la madre ha gruppo sanguigno 0 ed il feto ha gruppo A o B. Questa malattia non è dovuta ad incompatibilità del fattore Rh ma all’incompatibilità di gruppo AB0 con decorso solitamente benigno. in quanto l’emolisi nel figlio non è severa per la scarsa espressione degli antigeni A e B sulle emazie del neonato. I globuli rossi presentano sulla superficie degli antigeni (A e B) che definiscono così il gruppo sanguigno (0 in caso di assenza), i casi di incompatibilità tra madre e feto si vengono ad evidenziare più comunementesoprattutto se la madre ha gruppo 0 ed il feto ha gruppo A o B; si possono registrare casi di incompatibilità anche tra madre di gruppo A e feto di gruppo B oppure se la madre ha gruppo sanguigno B ed il feto A. Per approfondimenti su tale argomento si rimanda alla lettura di http://www.mammaepapa.it/salute/p.asp?nfile=ittero_da_incompatibilita_ab0.

Pubblicità

Il quadro dei sintomi

incompatibilità di gruppo AB0 ittero

incompatibilità di gruppo AB0 ittero

L’incompatibilità AB0 non sempre provoca itterizia nel neonato che comunque tende a risolversi spontaneamente con la scomparsa degli anticorpi materni. La condizione si viene a verifcare in quanto nel corso della gestazione, la madre produce anticorpi immuni di classe IgG, capaci di attraversare la placenta, e che quindi passano nel circolo sanguigno del feto provocando un’anomala distruzione dei globuli rossi, da cui dipende lo sviluppo di ittero ed anemizzazione; l’emolisi può provocare una diminuzione dell’emoglobina innestando una forma di anemia tardiva del neonato detta anche anemia di Ecklin. In caso di insorgenza di ittero da incompatibilità tra madre e feto, non si deve temere la compromissione fetale e la principale manifestazione sintomatica è rappresentata dalla comparsa di un ittero che raramente supera i valori di 20 mg/ml; per trattare e risolvere l’itterizia si sottopone il bambino a sedute di fototerapia ossia ad esposizione a luce ad alta intensità con lo scopo di convertire la bilirubina in una forma non tossica che può essere eliminata dal corpo più facilmente.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *