Bilirubina diretta: le cause dell’iperbilirubinemia

Comment

Bilirubina diretta
Pubblicità

Bilirubina diretta valori

Il pigmento presente nella bile dell’uomo, prodotto a livello epatico dal sangue attraverso il processo di distruzione dell’emoglobina che si trova nei globuli rossi demoliti al termine del loro ciclo di vita che ha una durata di 120 giorni, è detto bilirubina diretta quando è formato dal fegato. Si evidenziano dei livelli elevati di bilirubina quando il fegato non lavora in maniera corretta a causa di diverse malattie oppure quando vengono distrutti globuli rossi in eccesso: queste condizioni provocano il blocco o la scarsa produzione di bilirubina causando il suo accumulo nel sangue e nei tessuti, si determina così la formazione dell’ittero che si evidenzia con la colorazione giallastra della pelle. Generalmente i valori normali inferiori si attestano tra i livelli di 0.2mg/100ml, quando si riscontrano dei valori superiori allora l’iperbilirubinemia segnala la presenza di determinate patologie quali: cirrosi epatica, epatite tossica, neoplasie epatiche, toxoplasmosi, non vanno trascurate forme gravi di infezioni. In particolare la bilirubina diretta aumenta come conseguenza dell’ittero ostruttivo, un fenomeno di tipo postepatico, inoltre l’iperbilirubinemia può essere determinata da un’insufficiente escrezione nelle vie biliari anche se con maggiore frequenza si registrano episodi di stasi biliare di origine intraepatica o extraepatica. Altre informazioni su Bilirubina alta cause: quali sono.

Pubblicità

Misurazione ed interpretazione

bilirubina diretta

bilirubina diretta

La bilirubina diretta di solito viene misurata quando il tasso di bilirubina totale risulta aumentato, nei laboratori di analisi adoperano come esame per valutare i livelli di bilirubina diretta la semplice sottrazione dei valori della bilirubina diretta dalla misurazione della bilirubina totale. Di solito la diagnosi deve avvalersi anche dei risultati di ulteriori esami clinici da integrare con i dati di laboratorio per determinare quali sono i reali valori ed arrivare alla formulazione della principale eziologia a cui ascrivere i livelli alti della bilirubina che in alcuni casi può indicare un processo più rapido di distruzione dei globuli rossi, mentre nei casi più gravi bisogna risalire a problemi del fegato quali di lesioni o patologie. I livelli più alti del normale possono indicare diversi fattori che causano l’ittero, a seconda della zona colpita il problema viene classificato in: preepatico, quando si verifica un aumento di secrezione di bilirubina; epatico, in presenza di disfunzione del fegato; postepatico, a causa di ostruzione dei dotti. Maggiori notizie su Bilirubina molto alta: come intervenire.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *