• Pubblicità
  • Valori alti di bilirubina lesioni epatocellulari

    Valori alti di bilirubina lesioni epatocellulari Si possono registrare valori alti di bilirubina a livello ematico e nei tessuti in caso di insufficiente elaborazione epatica causata da lesioni epatocellulari come conseguenza quindi la bilirubina in parte non penetra nella cellula epatica, mentre la frazione che penetra viene scarsamente metabolizzata senza però essere indirizzata verso la bile […]
    Continua..
  • Sindrome epatorenale e cirrosi

    Sindrome epatorenale e cirrosi Un dato clinico certo mette in evidenza che esiste una stretta relazione tra sindrome epatorenale e cirrosi, visto che questa complicanza tende a colpire con maggiore incidenza gli individui con cirrosi e con una pressione elevata nel sistema della vena porta. Sono stati individuati infatti dei fattori che rendono i pazienti colpiti da […]
    Continua..
  • Sindrome di Budd-Chiari caratteristiche

    Sindrome di Budd-Chiari caratteristiche In ambito clinico la sindrome di Budd-Chiari indica un gruppo di disordini accomunati tra di loro dalla presenza di un’ostruzione del ritorno venoso epatico a livello delle venule epatiche, delle vene sovra-epatiche, della vena cava inferiore o dell’atrio destro; a causa dell’ostruzione il paziente è soggetto ad un aumento della pressione nei […]
    Continua..
  • Trattamento chirurgico del tumore di Klatskin

    Trattamento chirurgico del tumore di Klatskin In base alla loro localizzazione ed alla loro entità i tumori maligni delle vie biliari richiedono un preciso tipo di intervento, nello specifico il trattamento chirurgico del tumore di Klatskin richiede la rimozione di una rilevante porzione di fegato, ma comporta anche la rimozione di dotto biliare, cistifellea ed in alcuni […]
    Continua..
  • Iperbilirubinemia trattata con plasmaferesi

    Iperbilirubinemia trattata con plasmaferesi La CPFA (Coupled PlasmaFiltration Adsorption) è una tecnica di depurazione ematica extracorporea sperimentata in caso di iperbilirubinemia che quindi può venir trattata con plasmaferesi. Nello specifico la tecnica di CPFA, già impiegato come trattamento di depurazione in caso di sepsi, combina la plasmaseparazione, con un trattamento aferetico di adsorbimento, ed il […]
    Continua..
  • Uricosuria a cosa serve

    Uricosuria a cosa serve La concentrazione di acido urico nell’urina si definisce uricosuria per cui questo parametro viene preso in considerazione per identificare delle specifiche condizioni patologiche. L’acido urico è il prodotto finale del metabolismo delle purine, basi azotate che costituiscono il DNA presente nel nucleo delle cellule animali e vegetali, si tratta dunque di un acido derivante dai nuclei delle cellule che vengono introdotte nell’organismo attraverso l’alimentazione ma […]
    Continua..
  • Tumore di Wilms quadro patologico

    Tumore di Wilms quadro patologico In età pediatrica si può diagnosticare il tumore di Wilms, o nefroblastoma, che è una neoplasia maligna del rene di origine embrionaria, che si riscontra con maggiore incidenza tra i bambini di fascia di età tra il primo ed il quinto anno di vita, sono meno frequenti i casi clinici nei […]
    Continua..
  • Angioma epatico nelle donne

    Angioma epatico nelle donne La formazione di un tumore benigno a livello delle cellule endoteliali che rivestono internamente i vasi sanguigni del fegato viene definito angioma epatico. Si tratta di un tumore benigno delle cellule endoteliali che rivestono le pareti interne dei vasi sanguigni formando un denso agglomerato di capillari e vasi sanguigni di calibro leggermente più […]
    Continua..
  • Somatostatinoma come si evidenzia il quadro patologico

    Somatostatinoma come si evidenzia il quadro patologico In ambito clinico si parla di somatostatinoma quando si diagnostica un tumore neuroendocrino secernente somatostatina che ha origine da cellule neuroendocrine presenti nel pancreas (specificatamente a carico delle cellule delta delle isole del Langherans) o nell’intestino (a livello del sistema APUD localizzato a livello del duodeno). Il paziente colpito da questa neoplasia presenta solitamente […]
    Continua..
  • Dispepsia funzionale di cosa si tratta

    Dispepsia funzionale di cosa si tratta Si definisce dispepsia funzionale un quadro di sintomi caratterizzato dalla manifestazione costante di: digestione laboriosa, gonfiore, senso di pienezza, dolore crampiforme localizzato nella parte superiore dell’addome. Questo disturbo di tipo cronico a carico del sistema gastrointestinale non ha una causa specifica dal punto di vista diagnostico dal momento che […]
    Continua..