Bilirubina: alta, diretta, totale ed indiretta

La Bilirubina è quello che resta dell’emoglobina dopo che i globuli rossi all’interno della milza sono stati degradati. Una volta creata la bilirubina, questa viene trasportata al fegato attraverso l’albumina poiché si trova nella sua forma indiretta che è insolubile in acqua. Quando arriva al fegato, viene trasformata da quest’ultimo, e diventa finalmente solubile, ossia diretta, quindi eliminabile dall’organismo attraverso le urine o la bile. La bilirubina quindi non è importante in quanto tale, ma lo è poiché una concentrazione anomala della sua forma diretta o indiretta può indicare la presenza di un danno epatico o anche un problema di elevata distruzione dei globuli rossi tipico delle anemie emolitiche.

Questo portale è nato proprio per aiutare il paziente nella lettura delle proprie analisi per metterlo nelle condizioni di rendersi conto di cosa soffre e quali sono le azioni da intraprendere.  Il sito sara diviso in più sezioni: la prima sarà dedicata a capire quali sono le cause ed i sintomi di una bilirubina alta o bassa; altre due sezioni saranno dedicate alla descrizione della forma diretta ed indiretta della bilirubina;  un’altra sezione parlerà invece del valore totale di bilirubina e della sua composizione; infine ci sarà una sezione di approfondimenti con informazioni sulla forma congiunta, su da cosa dipende l’aumento, sui sintomi nei neonati e tanto latro.

Buona lettura.