• Iperammoniemia e disturbi del sonno

    Iperammoniemia e disturbi del sonno Uno studio condotto dai ricercatori italiani dell’Università di Padova, sotto la guida della dottoressa Sara Montagnese, in collaborazione con gli scienziati dell’Institute of Pharmacology and Toxicology di Zurigo, ha evidenziato una stretta relazione tra iperammoniemia e disturbi del sonno. In presenza di elevati livelli di ammoniaca nel sangue si delinea la condizione di iperammoniemia, un […]
    Continua..
  • Cisti da ritenzione pancreatiche di cosa si tratta

    Cisti da ritenzione pancreatiche di cosa si tratta Le cisti da ritenzione pancreatiche devono essere esaminate accuratamente in quanto possono rappresentare neoplasie maligne o pre-maligne per questa ragione è necessaria un’accurata diagnosi per un’identificazione definitiva del quadro clinico. Nonostante l’analisi citologica sul fluido cistico, ottenuto attraverso un agoaspirato ecoendo-guidato, manchi di un’elevata sensibilità, ha un’alta […]
    Continua..
  • Feocromocitoma come si manifesta

    Feocromocitoma come si manifesta A livello clinico il feocromocitoma identifica un particolare tumore neuroendocrino con sede a livello delle cellule cromaffini ossia di quelle cellule che rilasciano adrenalina presenti nelle ghiandole surrenali; nella maggioranza dei casi il tumore si sviluppa nel surrene ossia nella sua porzione più interna detta midollare, dove si trovano le cellule cromaffini, […]
    Continua..
  • Tumori neuroendocrini di cosa si tratta

    Tumori neuroendocrini di cosa si tratta Quando si parla di sistema neuroendocrino si fa riferimento all’insieme di cellule che hanno le caratteristiche tipiche sia delle cellule endocrine, in grado di produrre ormoni, sia di quelle nervose, possono registrarsi casi di tumori neuroendocrini nel caso in cui le cellule di questo sistema vanno incontro ad una […]
    Continua..
  • Malattia di Caroli e sindrome

    Malattia di Caroli e sindrome Una patologia congenita rara come la malattia di Caroli si caratterizza per la dilatazione segmentale e multifocale dei grandi dotti biliari intraepatici, il tratto clinico tipico della patologia è rappresentato dall’ectasia dei dotti biliari a cui non si associano generalmente altre manifestazioni a livello epatico. La variante più comune della […]
    Continua..
  • Epatite B come si manifesta l’infezione

    Epatite B come si manifesta l’infezione Il virus HBV, appartenente alla famiglia Hepadnaviridae, è il responsabile dell’epatite B che assume i tratti di una malattia infettiva a carico del fegato. L’infezione virale si trasmesse principalmente per via parenterale mediante l’esposizione a sangue infetto oppure ad altri fluidi corporei infetti come sperma e liquidi vaginali; per cui il contagio può verificarsi attraverso il passaggio […]
    Continua..
  • Atresia biliare come si evidenzia

    Atresia biliare come si evidenzia I neonati possono risentire di un processo di infiammazione e di ostruzione dei dotti biliari determinando il quadro clinico dell’atresia biliare, in questo caso la bile non è in grado di fluire in maniera regolare ma anzi rifluisce nel fegato determinando il processo di stasi biliare a cui si deve […]
    Continua..
  • Quadro clinico dell’infarto renale

    Quadro clinico dell’infarto renale Quando si verifica un’occlusione di un’arteria renale può innestarsi il quadro clinico dell’infarto renale che può interessare una zona più o meno estesa di tessuto renale per cui ne risulta un’interruzione del flusso di sangue al rene. Diversi fattori eziologici possono provocare questa condizione patologica e tra le principali cause che […]
    Continua..
  • Malattia di von Gierke come si caratterizza

    Malattia di von Gierke come si caratterizza In ambito clinico la condizione patologica più comune per quanto riguarda le glicogenosi è rappresentata dalla malattia di von Gierke detta anche glicogenosi di tipo I, si tratta di una malattia da accumulo di glicogeno in quanto il corpo, nello non è in grado di utilizzare gli zuccheri in maniera corretta. […]
    Continua..
  • Emocromatosi effetti sul fegato

    Emocromatosi effetti sul fegato L’anomalo accumulo di ferro nell’organismo a causa della condizione patologica dell’emocromatosi può avere dei negativi effetti sul fegato, possono inoltre registrarsi dei danni d’organo indotti dal progressivo accumulo di ferro anche il cuore, il pancreas, la tiroide, le articolazioni, l’ipofisi. L’eccesso del minerale nell’organismo attiva un’azione di tipo tossico in quanto può […]
    Continua..